corporate-identity

Per definire la corporate identity è necessario chiarirne prima il concetto.

La corporate identity è la percezione che i clienti hanno dell’azienda, racchiude i valori e gli obiettivi di lungo periodo attraverso la propria mission e la visione del brand.

La strategia di corporate identity va a toccare tutte le componenti di un’azienda con l’obiettivo di migliorare la propria immagine esterna con i conseguenti vantaggi che ne derivano.

Uno degli aspetti molto spesso sottovalutati dalle imprese è proprio questo, l’identità aziendale. Si inizia a lavorare, si aggiusta il tiro, le cose vanno bene, si adattano le strategie e si punta sempre alla crescita senza però spesso definire la propria corporate identity o, peggio ancora, senza nemmeno sapere di doverlo fare.

La corporate identity è la percezione che i clienti hanno dell’azienda, racchiude i valori e gli obiettivi di lungo periodo attraverso la propria mission e la visione del brand.

Non ho trovato statistiche attendibili in merito, ma sulla base di oltre 200 clienti con cui ho lavorato, stimo che meno del 10% delle aziende abbia investito del tempo per definire questo aspetto, fondamentale. Trascurando chi non la conosce, il primo freno per questo lavoro è il tempo che richiede per la sua stesura iniziale e il suo successivo sviluppo e declinazione nell’immagine e nella comunicazione. In realtà se ben definita e, non diamolo per scontato, condivisa sarà poi molto più semplice e veloce lavorare con linee guida definite piuttosto che dover ogni volta ripensare al modus operandi del momento.

La strategia di corporate identity va a toccare tutte le componenti di un’azienda con l’obiettivo di migliorare la propria immagine esterna.

La corporate identity non è la corporate image

Spesso la corporate identity è confusa con la corporate image ma quest’ultima è solamente una declinazione dell’elemento strategico che definisce l’identità aziendale. La corporate identity si cala infatti in immagine, cultura, comunicazione, filosofia e linguaggio.

Nei casi in cui la corporate identity sia ben definita può essere utile rivalutarla partendo, anche in questo caso, da un bel foglio bianco. Inutile forse dire che ove invece non fosse proprio considerata sarà l’occasione per farlo ricordando che le persone acquistano da aziende che rispecchiano la loro vision e il loro sistema di valori.

Esistono diverse metodologie per lavorare alla propria identità. Lavorando a diversi progetti con un amico abbiamo schematizzato la nostra Corporate Identity Matrix Framework (CIMF).

Corporate Identity Matrix Framework

CIMF è stata elaborata e sviluppata nel 2021 da Marco Daturi e Marco Maggi sulla base della matrice Corporate Brand Identity and Reputation Matrix (CBIRM) presentata dal prof. Mats Urde in The Corporate Brand Identity and Reputation Matrix – The case of the Nobel Prize, Journal of Brand Management.

corporate identity

L’approccio accademico contestualizzato per le piccole-media imprese italiane assume maggiore valore perché arricchito da esperienze sul campo in realtà locali e internazionali. Abbiamo infatti adattato e modificato un modello teorico per renderlo più concretamente applicabile in tutte le realtà aziendali con cui lavoriamo.

Per maggiori informazioni: info@zeropixel.it

tono di voce

Che cosa s’intende con tono di voce aziendale e come arriviamo a definirlo? Ecco i punti fondamentali per trovare quello giusto.

Continua a leggere
green advertising

Come può un’azienda fare green advertising senza snaturare la propria immagine ed evitando di cadere nel green washing?

Continua a leggere
milanese-imbruttito

Il Milanese Imbruttito, perché questa scelta?

Uscire dagli schemi. Questo è un esempio di comunicazione disruptive in un settore dove il marketing è sempre molto sobrio e delicato. Scherzando si possono dire cose serie e passare meglio così concetti che in altro modo spesso non vengono ascoltati.

Abbiamo proposto e coordinato questa video-storia per Cerba HealthCare Italia con Il Milanese Imbruttito.

Un video divertente e sarcastico che sottolinea l’importanza di condurre una vita sana dove lo sport e la cura del corpo sono due principi fondamentali per il benessere.

Il Milanese Imbruttito

Il Milanese Imbruttito è una pagina satirica di intrattenimento incentrata sullo stereotipo del milanese sempre stressato. La figura dell’imbruttito è interpretata dall’attore Germano Lanzoni in perenne contrasto con il giargiana interpretato dall’attore Valerio Airò.

Il concept: Il Milanese Imbruttito si rimette in forma

L’imbruttito si deve rimettere in forma in vista dell’estate e durante una corsa nella city accusa un leggero dolore ad un ginocchio. Si reca per una visita in uno dei centri Cerba HealthCare Italia, storicamente Delta Medica, dove viene invitato a rivedere il suo stile di vita: alimentazione, attività fisica e stress.
Alla reception del centro incontra il giargiana, presente per la visita medica aziendale.

Alcune curiosità sul video

  • Il set per le scene principali è uno dei centri storici del gruppo Cerba HealthCare Italia dove i pazienti trovano un’offerta di servizi completa per la prevenzione, cura e benessere: centro prelievi, radiologia con risonanza magnetica aperta, medicina dello sport e tutti i principali servizi di poliambulatorio.
  • Nessun giargiana è stato maltrattato per la realizzazione di questo video.
  • Cameo di Marco Daturi nel ruolo del receptionist
  • Storytelling e branded content trovano qui fusione in modo creativo e intelligente
milanese imbruttito
green economy svolta green

La green economy è un modello di sviluppo economico che considera l’impatto ambientale che hanno le attività di un’azienda.

Continua a leggere
fiducia in un brand

Come si portano le persone ad avere fiducia in un brand? Come si costruisce una buona reputazione online? Ecco degli spunti da cui partire.

Continua a leggere
comunicare quanto si è green

Hai deciso di aderire con la tua azienda alla svolta green. Ma quali sono le regole per comunicare quanto si è green in maniera efficace?

Continua a leggere
streaming

Vi ricordate Blockbuster?

Blockbuster è sicuramente una di quelle realtà che non ha saputo seguire le tendenze e ha chiuso nel 2013 per i motivi che tutti conosciamo. Non si è saputo adattare alla crescente innovazione tecnologica e alle nuove abitudini dei clienti che volevano un servizio comodo a domicilio.

La digitalizzazione è un percorso obbligato eppure molte aziende ancora hanno paura ad investire in questa direzione. Non ci resta che fare un ennesimo tentativo di sensibilizzazione in questa direzione.

Vediamo i dati in ITALIA di Justwatch, motore di ricerca streaming per film e serie TV presente anche in altri 16 paesi, inclusi Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia, Messico, Brasile e Germania. (Ringraziamo Fabiana – Justwatch per i dati forniti).

Quote di mercato SVOD nel 2020

justwatch

Disney + ha concluso il 2020 come il terzo servizio di streaming più grande, superando Timvision, NowTV e Infinity nel suo primo anno. È grande quasi la metà di Prime Video, che attualmente è al secondo posto.

Sviluppo della quota di mercato nel 2020

justwatch

È interessante notare che i servizi di streaming Prime e “Altro” hanno sentito l’impatto maggiore quando Disney + è stato lanciato a febbraio, mentre Netflix è sceso solo di un piccolo margine.

Blockbuster avrebbe potuto essere ancora una realtà importante?

Non lo sapremo mai. Quello che però sappiamo con certezza è che in Italia sono ancora pochissime le aziende digitalizzate (meno del 3% secondo ISTAT). Aziende che dovranno organizzare velocemente il loro cambiamento per evitare di fare la stessa fine di Blockbuster.


In memoria di Blockbuster

blockbuster
virale

Chi volesse capire come far diventare virale un contenuto sa che la probabilità di riuscirci è tendente allo zero. Non importa quali siano le risorse a disposizione, solo uno su mille ce la fa.

Continua a leggere
corporate identity apple

Perché la corporate identity è fondamentale per un’azienda? Ve lo spieghiamo analizzando quella di un esempio d’eccellenza come Apple.

Continua a leggere