4 modi per aumentare la velocità del tuo sito web ottimizzando le immagini

Ottimizzare le immagini sul tuo sito web è un passo fondamentale per migliorare l’UX (User experience), l’esperienza dell’utente e aumentare la velocità di caricamento delle pagine del sito. Si tratta di un aspetto spesso trascurato, ma che svolge un ruolo importante nell’esperienza complessiva dell’utente e nella valutazione del sito da parte dei motori di ricerca come Google.

Ridimensionare le immagini

Ridimensionare le immagini

Per ottimizzare le immagini del tuo sito web, il primo passo è ridimensionarle in modo appropriato. Le dimensioni e la risoluzione delle immagini possono variare a seconda della pagina web. La risoluzione ottimale per il web è 72dpi.

Un’immagine che appare bene sulla versione desktop del tuo sito web potrebbe non essere adatta per un dispositivo mobile.

Per questo motivo, è importante ridimensionare le immagini in base alle dimensioni necessarie per la pagina specifica. Puoi farlo utilizzando un programma di editing grafico come Adobe Photoshop o strumenti di ridimensionamento delle immagini online come PicResize o Squoosh.

Compressione delle immagini

La compressione delle immagini per il web

Il prossimo passo è comprimere le tue immagini. La compressione di un’immagine ne riduce le dimensioni senza sacrificarne la qualità.

Questo processo può ridurre notevolmente le dimensioni del file dell’immagine, contribuendo a un caricamento più veloce della pagina. Puoi usare uno strumento online come TinyJPG per comprimere le tue immagini in modo semplice ed efficiente.

Lazy loading delle immagini

Lazy loading delle immagini dei siti web

Un’altra tecnica di ottimizzazione che può aiutare a velocizzare il caricamento delle pagine del tuo sito web è il lazy loading.

Questo processo consiste nel rendere visibili e quindi caricare le immagini solo quando si trovano nella parte visibile del monitor dell’utente. Ciò può aiutare a ridurre notevolmente i tempi di caricamento della pagina, poiché il browser non deve scaricare tutte le immagini contemporaneamente, ma lo farà in base all’interazione dell’utente.

Questo può aiutare a migliorare notevolmente la velocità di caricamento delle pagine del tuo sito web, offrendo un’esperienza di navigazione più fluida e piacevole per i tuoi visitatori.

Utilizzare i formati corretti delle immagini per le pagine web

Utilizzare i formati corretti delle immagini per le pagine web

Infine, dovresti anche assicurarti di utilizzare i formati di file appropriati quando si tratta di immagini per il tuo sito web.

Il formato di file JPEG è una scelta eccellente, poiché offre un ottimo equilibrio tra qualità dell’immagine e dimensione del file per immagini di tipo fotografico. Se invece l’immagine è di tipo grafica, come un logo o hai bisogno di trasparenza, allora il formato PNG è la scelta migliore.

Negli ultimi anni sono stati elaborati dei nuovi formati per le immagini web di cui parleremo meglio in un altro articolo:

  • WebP: un formato aperto di compressione per le immagini specifico per l’utilizzo web sviluppato da Google
  • HEIF: un formato contenitore che può ospitare file immagine singoli e sequenze di immagini, sviluppato dal Moving Picture Experts Group (MPEG)
  • AVIF: una specifica del formato di file immagine per la memorizzazione di immagini o sequenze di immagini compresse con AV1

Ottimizzare correttamente le immagini

In conclusione, ottimizzare correttamente le immagini del tuo sito web è fondamentale per migliorare l’esperienza dell’utente e ridurre i tempi di caricamento.

Ridimensiona sempre le tue immagini in modo appropriato, comprimile, sfrutta il lazy loading dove possibile e scegli i formati di file più adatti: seguendo queste semplici regole, il tuo sito web sarà ben strutturato per offrire un’esperienza utente ottimale. Oltre questo potresti sfruttare un servizio CDN (Content Delivery Network), ma di questo parleremo nel prossimo articolo.

Se non sei sicuro su come procedere, ti invitiamo a contattarci: possiamo effettuare un check-up del tuo sito web e aiutarti a migliorare anche l’ottimizzazione delle immagini.

Sara Bargis
Sara Bargis
Articoli: 14