personal branding marketing voices

Come si imposta una strategia di personal branding per imprenditori, professionisti ed esperti? Ecco una guida con le principali tappe da seguire.

Nell’episodio di febbraio del nostro podcast Marketing Voices parliamo di come costruirsi un personal branding di successo assieme a Steven Lo Presti, co-founder di Marketing Ignorante. Per ascoltarci cliccate qui sotto! Ci trovate anche su Apple Podcast e Google Podcast.

Hai mai sentito parlare di personal branding?

Ti sei mai chiesto perché alcuni individui nel tuo campo emergono dal nulla arrivando poi alla ribalta nazionale? Esperti che attirano l’attenzione di tutti i media, diventano keynote speaker alle migliori conferenze e attirano i migliori clienti. Questi uomini e donne sono solo più intelligenti di tutti noi? O sono a conoscenza di una magica strategia di personal branding che il resto di noi non conosce?

Ti sveleremo un piccolo segreto: la maggior parte di questi “Esperti Visibili” non è molto diversa da noi. In effetti, molti di loro ammettono di non essere le persone più intelligenti o più informate nei loro campi. Non sono mai stati scrittori nati, né oratori. E la maggior parte di loro non ha il dono di un carisma eccezionale.

Hanno però sviluppato le loro strategie di personal branding nel modo più difficile, attraverso tentativi ed errori. Ciò significa che ognuno di loro ha seguito un percorso diverso, provando e scartando una serie di strumenti e tecniche lungo il percorso.

Cos’è una strategia di personal branding?

Iniziamo dalle basi: una strategia di personal branding è un piano per portare la tua reputazione e carriera da una relativa oscurità a una grande visibilità. Una strategia descrive la tua posizione attuale e quale livello di visibilità desideri raggiungere in futuro. Poi espone in dettaglio le tattiche, gli strumenti e le abilità di cui avrai bisogno per raggiungere il tuo obbiettivo, incluso il un calendario editoriale dei contenuti che guiderà il tuo viaggio quotidiano. Una strategia attentamente pianificata elimina l’incertezza, in modo che tu possa concentrarti sulla sua realizzazione.

Una moderna strategia di personal branding è fortemente radicata nel content marketing. In effetti, la maggior parte delle competenze e degli strumenti descritti in questa guida sono componenti del content marketing, ma si possono applicare anche alla costruzione del tuo personal brand.

I 5 livelli di visibilità

Livello 1: Esperti locali. Questi esperti sono molto rispettati all’interno delle loro aziende e dai loro clienti, ma hanno poca visibilità al di fuori di quel contesto. La maggioranza inizia il proprio viaggio qui.

Livello 2: Eroi locali. Queste persone stanno iniziando a farsi conoscere al di fuori delle loro aziende. Sono più attivi nelle loro comunità imprenditoriali locali, parlando spesso durante gli incontri e bloggando. Potrebbero anche portare un po’ di nuovi clienti alla loro azienda.

Livello 3: Astri nascenti. Questi esperti hanno sviluppato una reputazione a livello regionale. Sono abbastanza conosciuti tra i coetanei della loro zona e parlano e scrivono frequentemente nel loro ambito di competenza. Le stelle nascenti tendono a portare clienti di qualità più elevata e ad addebitare commissioni più elevate.

Livello 4: Rock Star dell’Industria. Questi nomi sono ben noti in tutta la nazione per i loro ambiti di competenza di nicchia. Attirano clienti e commissioni premium. Di conseguenza, diventano beni significativi per le loro aziende.

Livello 5: Superstar Globali. L’élite mondiale degli esperti, le Superstar Globali sono uscite dalle loro nicchie e sono stati riconosciuti in modo più ampio nei loro settori. Hanno le commissioni più alte e le aziende di tutto il mondo vorrebbero essere associate a loro.

Il tuo primo compito è capire quale di questi livelli ti descrive oggi. Quindi devi decidere quale livello di competenza desideri raggiungere.

Prima di scegliere immediatamente Superstar Globale, tieni presente che ogni passaggio successivo richiede più sforzo e tempo rispetto al passaggio precedente. Ad esempio, è generalmente più facile passare da Esperto Locale a Eroe locale che da Rock Star dell’Industria a Superstar Globale. Per diventare un nome conosciuto a livello globale, probabilmente dovrai investire gran parte del tuo tempo libero. Sei abbastanza motivato per farlo? Solo tu puoi rispondere a questa domanda.

I benefici di un personal brand forte

Oltre a pompare il tuo ego, quali vantaggi tangibili può offrire un forte personal brand? Innanzitutto, gli Esperti Visibili guadagnano di più. Spesso molto di più.

Il motivo per cui le star possono chiedere di più è che molti clienti sono disposti a pagare un servizio premium per gli esperti in cui credono. Sono disposti a sborsare di più perché pensano che un Esperto Visibile porterà più conoscenze ed esperienza per il loro problema, risolvendolo più rapidamente e con maggiore precisione.

Esperti con grande visibilità attirano maggiormente l’attenzione dei media. Quando un giornalista ha bisogno di un preventivo autorevole, contatta gli esperti più conosciuti per la problematica in questione.

Gli esperti ben noti sono anche in grado di garantire preziose partnership più facilmente e con realtà più conosciute.

E come abbiamo già detto, attirano anche clienti di qualità migliore. In molti casi, i clienti ricercheranno un esperto, eliminando completamente il processo di proposta competitiva.

Anche gli esperti con personal brand forti apportano vantaggi alle loro aziende. Come risultato dell’effetto “alone”, la reputazione di un esperto si estende spesso all’azienda per cui lavora. Questa relazione può avere effetti molto tangibili sul brand di un’azienda e sulle prospettive di sviluppo del business. Secondo recenti ricerche, circa i due terzi degli Esperti Visibili hanno in media questo notevole effetto sulle loro aziende.

E i clienti? Quali tipi di esperti cercano di più? Di solito, gli esperti di livello 4 sono i più richiesti.

Perché gli esperti di livello 5 non sono così richiesti? La risposta ha quasi certamente a che fare con le loro commissioni altissime, che smorzano la domanda. Naturalmente, quando puoi chiedere certe cifre, non hai bisogno di molti clienti.

I 7 strumenti principali per una strategia efficace di personal branding

Un libro

Che tu lo faccia per conto tuo o arruoli un ghostwriter, dovrai scrivere un libro che riguardi la tua area di competenza. Un libro è un costruttore di credibilità fondamentale. Il tuo libro può essere pubblicato in modo tradizionale o auto-pubblicato. I libri pubblicati tradizionalmente possono offrire credibilità immediata, ma i libri auto-pubblicati (per i quali è possibile impostare il prezzo o regalare gratuitamente) offrono maggiore flessibilità. In entrambi i casi, dovrai anche promuoverlo, poiché anche gli editori di brand famosi si affidano ai loro autori per fare la maggior parte del marketing. Un libro può essere un grosso problema, quindi non pensare di doverlo affrontare immediatamente. Ma fissa un obbiettivo preciso per produrne uno nei prossimi due anni, se non prima.

Discorsi pubblici

Parlare in pubblico è importante per costruire la tua reputazione e il tuo personal brand. Il pubblico è predisposto a fidarsi di chiunque salga su un podio, quindi solo arrivarci è metà della battaglia vinta.

Un sito web

Se fai parte di un’azienda più grande, ti consigliamo di concentrarti prima sulla tua pagina bio. Dovrebbe presentare credenziali sufficienti per convincere le persone che conosci davvero il tuo ambito. Ecco alcune cose che potrebbe includere:

  • Biografia personale dettagliata
  • Titoli accademici
  • Certificazioni
  • Premi
  • Pubblicazioni
  • Presentazioni
  • Progetti importanti
  • Associazioni
  • Affiliazioni
  • Video di discorsi pubblici

Una volta che inizi ad avere una reputazione regionale o nazionale, potresti prendere in considerazione l’idea di sviluppare anche un sito web personale. Puoi utilizzare questo sito come piattaforma per promuovere i tuoi libri e i tuoi discorsi in pubblico.

Un blog

Ogni esperto dovrebbe avere un blog. È il modo più accessibile per dimostrare la tua esperienza. È anche uno dei modi più semplici per iniziare a costruire un seguito fedele. E quando applichi i principi di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) ai tuoi post, ti apri un mondo completamente nuovo di potenziali clienti che, per la prima volta, ti troveranno attraverso la ricerca online. Un blog è uno strumento essenziale se vuoi diffondere la tua conoscenza rapidamente e in maniera ampia. Il tuo blog può essere sul sito web della tua azienda (è preferibile, dal momento che può migliorare le tue prestazioni SEO), oppure puoi creare un blog separato.

Servizio di e-mail marketing

Se il tuo blog serve a farti conoscere da persone nuove, l’e-mail marketing è il modo in cui trasformi molti di questi lettori in fedeli follower, persino fan entusiasti. Usando offerte per far scaricare preziosi contenuti educativi come guide e white paper, puoi invogliare una certa percentuale dei tuoi lettori del blog ad accedere alla tua mailing list. È quindi possibile alimentare questi follower omaggiandoli costantemente contenuti educativi gratuiti, nonché offerte aggiuntive che ne rafforzino il coinvolgimento.

Search Engine Optimization (SEO)

Se ritieni che la SEO non abbia alcun ruolo nella tua linea di lavoro, quasi sicuramente ti stai sbagliando. Ogni anno, sempre più organizzazioni utilizzano la ricerca online per trovare e controllare i propri fornitori di servizi. Ma ancor più rilevante per il tuo viaggio sul Monte degli Esperti, gli uomini d’affari oggi istintivamente vanno su Google ogni volta che incontrano un problema commerciale spinoso. In molti casi, ricercano da soli il problema e le possibili soluzioni, prima di cercare un aiuto professionale. In altre situazioni, i professionisti utilizzano la ricerca per trovare leader di pensiero nel proprio campo. La SEO è lo strumento che ti collega alle persone che sono profondamente interessate ai problemi che risolvi. E senza non raggiungeresti mai il 99% di loro.

C’è uno strumento aggiuntivo di cui avrai bisogno, uno che ti farà risparmiare un sacco di tempo e mal di testa:

Un media kit

Gli esperti ricevono richieste di bio, di discorsi pubblici e foto. Quindi ha senso avere quelle cose pronte da inviare in un attimo. Ancora meglio, inseriscili nella pagina bio del tuo sito web dove le parti interessate possono trovarli senza chiedere. Ogni volta che arriva una richiesta dell’ultimo minuto, sarai felice di averlo a portata di mano.

Questo elenco, ovviamente, è solo un inizio. Esistono dozzine di strumenti che puoi utilizzare per coinvolgere il tuo pubblico. Pensa ai webinar (che sono solo una diversa interpretazione del parlare in pubblico), pubblicità, pubbliche relazioni, SlideShare, video e web analytics, per citarne solo alcuni. Mentre la tua strategia di personal branding inizia a raccogliere dividendi, potresti voler introdurre e testare una manciata di nuovi strumenti e tecniche.

Abilità di cui avrai bisogno

Scrittura. Potresti essere un bravo scrittore o meno. Ma se vuoi essere un insegnante efficace e costruire un personal brand convincente attorno alla tua esperienza, devi essere in grado di produrre una prosa chiara e non troppo tecnica, piacevole da leggere.

Parlare in pubblico. La maggior parte degli esperti è a proprio agio nel parlare al proprio pubblico target e agli altri professionisti. Se hai paura di parlare in pubblico, dovresti almeno provare a riuscirci. Come tutte le abilità, la padronanza viene dal fare, e nella maggior parte dei casi la paura svanirà rapidamente. (Detto questo, è perfettamente normale che anche un oratore esperto si senta nervoso prima di tenere un discorso.) Se sei nuovo al parlare in pubblico, inizia rivolgendoti a piccoli gruppi – nelle riunioni locali della tua associazione professionale o in Camera di Commercio.

Bloggare. O tu o un collega dovrete gestire i meccanismi far sì che i tuoi articoli siano online. Non è difficile imparare, ma tuttavia questa è un’altra abilità che dovrai padroneggiare.

SEO. L’ottimizzazione per i motori di ricerca è un’intera disciplina a sé, ma puoi impararne le basi in un giorno o due – abbastanza per iniziare a pensare in modo più strategico a ciò che scrivi. Mentre ci sono aspetti tecnici del SEO che potrebbero essere al di là delle tue capacità (ad esempio, costruire il tuo sito web e blog in modo che Google possa facilmente scoprire i tuoi contenuti), i meccanismi di base sono molto semplici. La parte più impegnativa sarà imparare a ricercare parole chiave pertinenti, attirare abbastanza volume di ricerca per essere utili e non troppo difficili da classificare nella prima pagina dei risultati di ricerca di Google. Ci vuole sia creatività che tecnica.

Diffusione su blog e pubblicazioni. C’è molto di più nel SEO che le sole parole chiave. Per ottenere il massimo dal tuo blog e investimenti SEO, dovrai generare link esterni ai tuoi post. Un modo comune per farlo è quello di scrivere articoli come guest blogger sui blog di altre persone – o articoli per pubblicazioni online – che includano uno o più link al tuo blog e/o sito web. Per scovare queste opportunità, dovrai cercare queste pubblicazioni online e contattare i loro proprietari o redattori.

E-mail marketing. L’e-mail marketing è molto diverso dall’inviare e-mail personali. Prima di tutto, dovrai scegliere un fornitore di servizi e-mail. Potresti aver sentito parlare di MailChimp, ma esiste un lungo elenco di altri provider che offrono funzionalità e prezzi diversi. Qualunque servizio tu scelga (e, per favore, non usare Outlook o nessun altro client di posta elettronica da desktop), dovrai imparare come utilizzare questo strumento per inviare una trasmissione di posta elettronica di base e comprenderne l’analisi. Successivamente, potresti voler provare funzionalità più avanzate, come personalizzazione, segmentazione e campagne automatizzate.

La mappa del tuo personal branding

È il momento di riunire tutto in un piano d’azione coerente. Se sei arrivato fino a qui, presumiamo che tu voglia impegnarti in un programma a lungo termine per costruire il tuo personal brand.

Fase 1 – La tua strategia

Primo step: Determina dove sei oggi. Prima di poter iniziare la tua scalata, devi sapere da dove inizi. Sei un Esperto Locale di livello 1 o un Astro Nascente di livello 3? Usa le descrizioni nella sezione sopra per determinare la tua posizione di base.

Secondo step: Identifica la tua area di competenza specialistica. Sei già un esperto in qualcosa, ma è “qualcosa” abbastanza ampio (“diritto di famiglia”, per esempio) o è molto specialistico (come “diritto di affidamento dei minori”)? Più la tua esperienza è di nicchia, più facile sarà la tua ascesa. Se non lo sei già, considera di restringere il tuo campo. Ma se non riesci a ridurre i servizi che offri, puoi almeno pianificare di restringere ciò di cui scrivi e di cui parli. Tieni solo presente che alla fine dovrai far seguire l’azione alle parole.

Terzo step: Definisci il tuo pubblico. Chi acquisterà i tuoi servizi? Chi influenza i tuoi clienti? Quali settori servi? Quali figure nelle aziende acquistano i tuoi servizi? Le risposte a queste domande saranno le persone per le quali crei ogni post del blog, ogni discorso, ogni libro, ogni webinar, ecc. Quando scrivi, tieni sempre presente il tuo target di riferimento. Ti aiuterà a rimanere concentrato e ad attrarre le giuste tipologie di prospect per la tua attività.

Quarto step: Trova il tuo punto di vista. Questo passaggio non è assolutamente necessario, ma può davvero aiutare il tuo personal brand a distinguersi. Se riesci a farti associare a un problema o se prendi hai punto di vista controverso o illogico, è spesso più facile farsi notare. Avere un tuo punto di vista ti dà anche un’ancora – una prospettiva unica – che segnerà ogni contenuto che sviluppi come tuo.

Quinto step: Decidi che strumenti utilizzare. Torna indietro, rileggi la sezione sopra e scopri quali affronterai per primi. E non aver paura di considerare anche altre opzioni. Se hai esperienza con webinar o video, usali e rendili parte del tuo piano.

Sesto step: Valuta le tue abilità. Questa è forse la parte più impegnativa del programma se lo affronti da solo. Non perché ci voglia un grande sforzo, ma perché è così difficile essere obbiettivi riguardo ai propri punti di forza e di debolezza. Rivedi la sezione delle abilità richieste di cui sopra e prova a valutare onestamente la tua competenza in ciascuna. Sei uno scrittore bravo come pensi di essere? Sei un ottimo oratore pubblico? Su quali competenze hai bisogno per lavorare di più e quali trarrebbero beneficio da un aggiornamento? Sviluppa un elenco prioritario di queste abilità e cerca di capire su cosa puoi lavorare da solo e che richiederà un insegnante qualificato. E questo ci porta al…

Settimo step: Decidi chi ti aiuterà. La maggior parte di noi avrà bisogno di almeno un piccolo aiuto durante questo percorso e tanti ne avranno bisogno molto. Quindi la prima cosa che devi fare è decidere se vuoi davvero provare a fare questa scalata da solo, o se un po’ di ossigeno supplementare, una banda di sherpa e una guida esperta potrebbero rendere la tua scalata più semplice. Mentre pensi agli strumenti e alle abilità di cui avrai bisogno, c’è qualcosa che potresti voler esternalizzare?

Fase 2: Impostare la tua infrastruttura

Ottavo step: Creare il tuo media kit. Assumi un professionista per scattare alcune foto e scrivere una versione breve e lunga della tua biografia. Poi un demo reel video di te che parli in pubblico. Se puoi, includi un link nella tua pagina bio per scaricare un file zippato del tuo kit.

Nono step: Migliora la tua biografia/costruisci il tuo sito web. Aggiungi punti che migliorino la tua credibilità nella tua biografia, come articoli che hai scritto, discorsi che hai pronunciato e riconoscimenti che hai vinto, tutto ciò che potrebbe convincere un lettore che sei un vero esperto.

Decimo step: Preparati a bloggare. Se la tua azienda ha un blog, scopri cosa devi fare per diventare un collaboratore regolare. Se devi ottenere l’ok da altri, spiega cosa stai cercando di ottenere. Collabora con le persone giuste per ottenere l’esposizione di cui hai bisogno. Se terrai un tuo blog, ora è il momento di iniziare a costruirlo e configurarlo. Se hai bisogno di aiuto, trova e investi nelle risorse per realizzarlo.

Undicesimo step: Imposta i tuoi strumenti di conversione. Per trasformare i visitatori web e i lettori di blog in lead, dovrai offrire loro qualcosa di abbastanza convincente in modo che ti forniscano il loro nome e indirizzo e-mail in cambio. Di solito, si tratta di un contenuto didattico più lungo, come una guida, un white paper o un e-book. Dovrai prima scrivere questo contenuto, quindi inserirlo in un modulo di registrazione sul tuo sito web o blog. Dovrai anche progettare un’offerta accattivante per invogliare i lettori a scaricare quel contenuto. Ora, se prevedi di inviare e-mail a persone nell’Unione Europea, dovrai conformarti alle più severe normative GDPR, come richiedere alle persone di aderire esplicitamente alla tua mailing list (non sono consentite caselle pre-selezionate) e completamente eliminazione dei dati individuali dal proprio sistema su richiesta.

Dodicesimo step: Imposta i tuoi profili social. Se avrai solo il tuo profilo LinkedIn, sarà semplice. LinkedIn è di gran lunga la più importante piattaforma social per esperti di servizi professionali. Assicurati di completare il tuo profilo per intero. Quindi cerca i gruppi attivi a cui puoi partecipare che sono frequentati da persone del tuo pubblico target. Un’altra piattaforma a cui iscriversi è Twitter, che puoi utilizzare per promuovere i tuoi contenuti. Facebook, YouTube e altri possono avere senso in alcuni casi, ma la maggior parte degli esperti trascorre il proprio tempo limitato altrove.

Tredicesimo step: Seleziona e prepara la tua piattaforma e-mail. È possibile che tu stia utilizzando il servizio di posta elettronica o CRM esistente della tua azienda, oppure potresti doverne configurare uno da zero. Ad ogni modo, assicurati di avere un template mail leggibile, graficamente efficace e pronto per l’uso. Se stai scegliendo una nuova piattaforma, selezionane una facile da usare e dotata di solidi strumenti per la gestione degli elenchi e dei report.

Fase 3: Sviluppa le tue abilità

Quattordicesimo step: Dedica del tempo ogni giorno a lavorare su nuove competenze. Il modo più efficace per affrontare un progetto a lungo termine è prendere delle abitudini. Ciò significa ritagliarsi un po’ di tempo ogni giorno per lavorare su una o due competenze alla volta. Non dimenticare mai che questo è un impegno commerciale, non un hobby. Quindi va bene – in effetti, è importante – dedicare parte della giornata lavorativa all’aggiornamento del tuo personal brand. Puoi anche dedicare un po’ del tuo tempo personale ad esso, ma è un progetto sempre in corso, che non finirà mai. Inizia a costruire il tuo lavoro attorno ad esso.

Fase 4: Lancio!

Leggi il tuo piano ancora una volta, quindi inizia a implementarlo. All’inizio le cose saranno lente, ma è importante mettere in posizione le corde e le scale prima di partire per una scalata. Hai una strategia, ora mettila in gioco!

Conclusioni sul personal branding

Se sei un esperto con l’ambizione di diventare leader di pensiero nel tuo settore, questa guida può aiutarti a metterti sulla strada giusta per una rapida ascesa. All’inizio è naturale sentirsi sopraffatti, soprattutto se sei molto occupato.

La chiave è scomporre la tua strategia di personal branding in blocchi gestibili. Non cercare di affrontare troppe cose contemporaneamente. A poco a poco, inizierai a vedere i risultati: un nuovo rivolo di domande via e-mail qui, un’opportunità di parlare lì e una marea di nuovi follower in arrivo. Ad un certo punto, le persone inizieranno a chiedere il tuo aiuto. E alla fine alcuni vorranno assumere te e la tua azienda solo sulla base della tua reputazione. Il brivido che deriva dal vedere progressi costanti vale tutto il duro lavoro!

Vuoi una consulenza ad hoc su come costruire la tua strategia di personal branding? Scrivici a info@zeropixel.it