gestione dei social

Ottimizzare la gestione dei social quando si ha poco tempo

Posted on Posted in Blog, Social media marketing

Hai frequentato un corso di social media marketing e ora ti senti abbastanza preparato da occuparti della gestione dei social della tua attività da solo. Ma come si può ottimizzare il tempo che vi si dedica?

Gestione dei social: quanto tempo serve per farlo bene?

Ok, sappiamo bene che il social media marketing è assolutamente fantastico. Può aumentare la visilibità, il traffico, e tantissime altre cose relative alla tua attività. Alcuni dicono addirittura che il web marketing non può sopravvivere senza di esso.

Ma nonostante sia tutto meraviglioso, ti diamo un avvertimento: per la gestione dei social ci vuole tempo. Molto. Soprattutto se lo stai facendo nel modo giusto (cioè, coinvolgendo davvero il tuo pubblico e non solo pubblicando link al tuo sito). In effetti, il 63% dei marketer dedica 6 o più ore alla settimana per le attività di social media marketing e quasi il 19% gli dedica più di 20 ore alla settimana!

Non possiamo far scomparire magicamente tutti i tuoi doveri relativi alla gestione dei social media (a meno che non tu voglia esternalizzare la tua attività di social media marketing a noi). Ma abbiamo alcuni suggerimenti per facilitarti le cose.

1. Limitali

Sappiamo tutti che non bisognerebbe saltare da un ponte solo perché tutti gli altri lo fanno. Perché allora così tante aziende lo fanno quando si tratta di social media?

Nessuno ha il tempo di impegnarsi su tutti i canali su cui “dovrebbero” stare. L’unica vera ragione per essere su un social network è perché il tuo pubblico è lì e vuoi poter interagire con loro lì. Il primo passo, quindi, è capire dove si trovano i tuoi clienti o potenziali tali. Questo richiede un po’ di lavoro investigativo, ma ti farà risparmiare tempo, restringendo le piattaforme su cui devi impegnarti.

Inizia lentamente, creando una presenza sul social più popolare per il tuo pubblico. Una volta stabilita la tua presenza e imparato come gestirla, puoi passare al social successivo più usato dal tuo pubblico target. Se il tuo pubblico non è presente su una data piattaforma social, non sprecare risorse su di essa, indipendentemente da quanto possa essere popolare per il grande pubblico.

2. Automatizzali

Questo è un argomento delicato, ma in sostanza dovresti automatizzare parte della tua gestione dei social media, a meno che non sia il tuo unico lavoro. Proprio come qualsiasi tecnologia, l’automazione dei social media può essere sfruttata. Non dovresti mai automatizzare le risposte. Ad esempio, non vorrai un tweet automatico che dice “Grazie per la condivisione” ogni volta che qualcuno condivide uno dei tuoi tweet. Su questo aspetto, dovresti sempre impegnarti in tempo reale. Questo è un altro motivo per cui dovresti gestire un solo social network alla volta, in modo da essere sicuro di avere le risorse per rispondere in modo tempestivo quando qualcuno interagisce con la tua azienda sui social media.

In genere, sono disponibili tre tipi di strumenti per la gestione dei social media, al fine di migliorare la tua efficienza:

  • Pianificazione: gli strumenti di pianificazione consentono di pianificare in anticipo i post, in modo da non dover essere sui social media ogni volta che si desidera pubblicare un post. Buffer è uno dei più usati per pianificare post dal blog e curated content. Puoi anche inserire un numero di post sempreverdi in Social Jukebox perché, a differenza di Buffer, rimetterà i post in coda per essere continuamente ri-pubblicati.
  • Gestione: hai bisogno di modi semplici per trovare informazioni preziose da altri esperti che puoi condividere. Puoi usare Tweetdeck per monitorare i flussi degli influencer del tuo settore. Noi usiamo anche il lettore RSS Feedly per tenere il passo con i migliori blog di marketing digitale e siamo iscritti ad alcune newsletter di settore che forniscono anche ottimi articoli da condividere. Recentemente abbiamo scoperto un altro strumento chiamato Nuzzel che crea una newsletter basata sui tipi di post con cui i tuoi amici stanno interagendo sui social media. Infine, Spidwit è un ottimo strumento per creare post interessanti legati a un evento specifico del giorno.
  • Monitoraggio: devi anche sapere se qualcuno parla della tua azienda o del tuo settore sui social media, in modo da partecipare a tali conversazioni e risolvere eventuali problemi. Tweetdeck è utile per monitorare i flussi di Twitter, mentre Mention e SEMRush possono aiutarti a tenere sotto controllo le menzioni del tuo brand su Internet.

3. Analizzali

Di nuovo, non utilizzando i social media tanto per farlo. Lo stai facendo per raggiungere determinati obiettivi per il tuo business. Devi decidere quali sono questi obiettivi (brand awareness? traffico? vendite?). Quindi devi monitorare le metriche dei social media, per vedere se i tuoi sforzi sono volti a raggiungere questi obiettivi.

Un buon punto di partenza è Google Analytics. Il traffico non è il fulcro di tutte le metriche, ma tu vuoi essere sicuro che le tue metriche sui social media stiano portando traffico e quali lo facciano meglio.

Se un canale social non sta portando molto traffico, dovresti riconsiderare ciò che stai postando lì o mettere in dubbio se quel social vale il tuo tempo. Ma tieni presente che il traffico è solo una parte del tutto. Se stai ricevendo un sacco di interazioni (azioni, Mi piace, commenti, ecc.), stai aumentando la brand awareness e potresti voler continuare a farlo.

Ci piace True Social Metrics per tracciare il coinvolgimento e per vedere quali post hanno performato meglio. Ogni social network offre anche analytics interne, che possono darti alcune di queste informazioni. Puoi usare le analytics di Buffer per determinare quali post hanno funzionato meglio con il tuo pubblico e quindi riprogrammarli, in modo che possano essere scoperti da persone che potrebbero non averli visti la prima volta.

Il punto è che vuoi capire quali sono le azioni sui social media che ti aiutano a raggiungere i tuoi obiettivi e quali no, in modo che tu possa dedicare il tuo tempo agli quelle che ti portano al ROI (Return on Investment).

4. Datti delle tempistiche

I social hanno una meritata reputazione di portare via parecchio tempo. Decidi in anticipo quanto tempo hai intenzione di dedicarvici, impostando persino un timer se sei incline a procrastinare. Assicurati di avere una quantità di tempo sufficiente per portare a termine il lavoro.

Non ci sono dubbi, i social media richiedono un grosso investimento in termini di tempo. Ma se fatto bene, ne raccoglierai grandi frutti per la tua azienda. Utilizzando questi suggerimenti, puoi adattare il social media marketing alla tua fitta agenda di appuntamenti senza perdere la testa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *