gruppi facebook

I Gruppi Facebook possono essere utilizzati per far crescere la propria attività? Vediamo quali sono le best practice per sfruttarli al meglio.

Gruppi Facebook: costruire la propria community

Da quando Facebook ha cambiato il suo algoritmo nel gennaio 2018, il newsfeed dà la priorità a quei post che generano conversazioni e interazioni significative.

Cosa vuol dire questo? Che strumenti come i Gruppi Facebook possono garantirvi un maggiore coinvolgimento da parte del vostro pubblico, portando alla costruzione di una comunità che interagisce con voi e al suo interno con regolarità.

Ma partiamo dalla base: che differenza c’è tra Pagine e Gruppi Facebook?

La Pagina è l’equivalente del profilo personale per un’azienda: è una piattaforma per comunicare il proprio punto di vista e creare una presenza pubblica autentica con video, foto e post. La pagina Facebook della tua azienda rappresenta la tua identità ufficiale, visibile al pubblico. È adatta per postare aggiornamenti sulla tua attività e informazioni pratiche. Chiunque può vederla su Internet tramite i motori di ricerca e solo chi rappresenta ufficialmente il brand può crearne una.

I Gruppi Facebook, invece, sono un luogo in cui i tuoi fan / clienti / lettori possono aggregarsi sulla base dell’affetto condiviso verso la tua attività. Questo è un luogo di discussione, meme, raccolta attorno a cause comuni, per saperne di più sui tuoi prodotti, un accesso a conoscenze esclusive.

Potresti avviare il tuo Gruppo per incoraggiare le conversazioni o un tuo fan sfegatato potrebbe aprire il proprio. È possibile scegliere che i gruppi siano pubblici, privati o segreti. In ogni caso, si pone l’attenzione sul creare una community online fedele e autentica.

Quindi, in sostanza: le Pagine si usano per trasmettere informazioni, i Gruppi per favorire la conversazione tra chi ti segue. Per questo, sarebbe meglio avere entrambi.

3 principali benefici dei Gruppi Facebook per la propria attività

1. Sono una linea diretta con i propri clienti

Le persone che si iscriveranno al tuo Gruppo Facebook sono probabilmente i tuoi clienti o fan più fedeli. A loro piace passare il tempo libero parlando della tua attività o dei tuoi prodotti e/o servizi. Nessuno li obbliga a farlo (si spera).

Qui avrai l’opportunità di attingere ad alcune informazioni reali da parte delle persone che conoscono bene la tua attività. Osserva, impara, chiedi loro dei feedback e utilizza i loro suggerimenti.

2. Ti permettono di costruire relazioni durature con i clienti

Ecco un fatto che a noi sembra ovvio, ma non per tutti lo è: i clienti sono fedeli alle aziende che li trattano bene. Invitarli a far parte di una comunità e interagire con loro direttamente e regolarmente dimostra che ci tieni, creando così da parte loro lealtà e fiducia inestimabili.

Se vuoi portare il tuo rapporto con i clienti al un livello superiore, un Gruppo Facebook è un ottimo modo per farlo.

3. Aumenteranno la tua copertura organica

Come abbiamo già evidenziato, l’algoritmo di Facebook è progettato per dare la priorità ai contenuti dei Gruppi Facebook con un elevato tasso di coinvolgimento. Più tu e il tuo Gruppo postate e interagite, maggiore sarà la vostra portata nel newsfeed.

Tipologie di Gruppi Facebook

Pubblico

Con un Gruppo Facebook pubblico, chiunque può vedere ciò che i membri pubblicano o condividono. Se possiedono un account Facebook, possono anche vedere l’elenco di membri, amministratori e moderatori.

Tra i lati positivi, sarai visibile a tutti i potenziali membri e clienti del gruppo. Inoltre, non sarà necessario ammettere manualmente ogni singolo nuovo membro al gruppo.

Questo però significa che potranno entrare nel gruppo anche troll o spammers, il che ti richiederebbe tempo per moderare post e commenti. Tieni presente che il Gruppo è affiliato alla pagina della tua attività, quindi qualsiasi cosa vi verrà postata ricadrà su di te. Controlla sempre tutti i post!

Privato

I Gruppi Facebook privati vengono comunque visualizzati nel motore di ricerca interno alla piattaforma, ma i potenziali membri devono essere accettati manualmente dagli amministratori.

Solo i membri che sono stati accettati e ne fanno parte possono vedere a chi appartiene al gruppo e cosa si pubblica o si condivide. (Chiunque su Facebook, tuttavia, può vedere chi sono gli amministratori e i moderatori.) In breve, è esclusivo, ma comunque accessibile.

I Gruppi privati sono l’opzione migliore per le aziende che utilizzano i Gruppi Facebook. Sono visibili, ma controllati, quindi nessun bot può intrufolarsi di nascosto e rovinare le conversazioni ai membri.

Segreto

I Gruppi segreti non vengono mostrati nelle ricerche. Puoi trovarli solo se sai dove si trovano.

Hanno le stesse impostazioni di privacy dei gruppi privati (solo i membri possono vedere i post e l’elenco dei membri), ma sono nascosti al pubblico generale. Bisogna essere invitati per accedervi.

Questi Gruppi possono essere utilizzati, ad esempio, per dare l’accesso a contenuti esclusivi riguardanti la tua attività a clienti VIP.

Scopri come creare il Gruppo Facebook affiliato alla tua Pagina aziendale cliccando qui.

gruppi facebook

Come utilizzare i Gruppi Facebook per far crescere la tua attività

Community di assistenza clienti

Quando un cliente cerca supporto e aiuto all’interno del Gruppo, puoi aiutarlo annunciando in contemporanea la risposta al resto della comunità.

Se i tuoi clienti sono davvero gentili, potrebbero persino aiutarsi a vicenda a risolvere i problemi.

Strumento di apprendimento e coinvolgimento

I Gruppi Facebook hanno un paio di funzioni sottoutilizzate che possono aggiungere un valore serio al tuo gruppo: gruppi di formazione social e creazione di video party. Per un parrucchiere, potrebbe essere un corso su come farsi una tinta o un video party per guardare in diretta come realizzare un’acconciatura.

Ad ogni modo, questo tipo di contenuti incoraggiano l’attività e le visite alla tua pagina.

Come forum per ricevere feedback

Non solo puoi utilizzare il social listening per capire cosa conta di più per il tuo pubblico, ma qui hai un focus group integrato. Vuoi sapere cosa pensano i clienti di una nuovo o imminente prodotto? Non hai che da chiedere!

Come strumento per approfondire gli insights

Se stai già monitorando attentamente i dati insights relativi ai follower della tua pagina Facebook, ti piacerà: gli insights del tuo gruppo offrono ancora più dati con cui fare i nerd.

Troverai analisi sull’appartenenza, la crescita e il coinvolgimento, che offriranno informazioni preziose sui tuoi fan. Da dove vengono? Quando è meglio pubblicare? Quanti membri attivi ci sono?

Come luogo in cui i clienti possono fare amicizia fra loro

Le persone che fanno amicizia perché hanno in comune l’apprezzamento per i tuoi prodotti e/o servizi sono delle grandi risorse per la tua attività. Questi sentimenti positivi che derivano dalla connessione umana possono riversarsi in sentimenti di buona volontà per il tuo brand e costruire una comunità attiva che attiri nuovi clienti.

Come flusso di guadagno

Il Gruppo Facebook sono pensati come una festa e non come una presentazione di vendita, quindi non cercare di promuovere i tuoi prodotti tutti i giorni. Ma può essere comunque un’opportunità per dare valore ai tuoi fedeli seguaci e guadagnare.

Offri l’accesso al Gruppo come incentivo per effettuare un acquisto o proponi offerte esclusive per i soli membri ai tuoi clienti. Questo è un luogo perfetto per condividere offerte last minute o vendite flash.

10 best practice per gestire al meglio i Gruppi Facebook

1. Crea un regolamento chiaro

Se vuoi che il tuo gruppo sia un luogo di confronto civile e non una classe di ragazzini indisciplinati, stabilire alcune regole è fondamentale.

Nelle impostazioni di moderazione del gruppo puoi impostare fino a 10 regole. Che si tratti di comportamento (“Sii rispettoso”) o di termini di servizio (“Hai accesso a questo gruppo fino alla scadenza del tuo abbonamento al servizio”), questo è un modo per assicurarti che tutti sappiano come debbano comportarsi.

2. Tieni lontani bot e troll con un questionario

Per i Gruppi privati e/o segreti, avrai la possibilità di creare un mini modulo di domande da compilare per i nuovi membri. Niente di troppo difficile, qualcosa di semplice come “Qual è il tuo prodotto preferito?” va bene, ma è un modo per filtrare bot, spam e troll.

3. Postare regolarmente messaggi di benvenuto

Idealmente, i nuovi arrivati si riverseranno nel tuo gruppo su base regolare. Per assicurarti che le informazioni chiave non vadano perse nel marasma dei post, ogni tanto inserisci un post di benvenuto. Questa è un’opportunità per ribadire le aspettative, indirizzare i nuovi utenti alle regole o alle risorse e rassicurare gli altri membri sul fatto che tu sia attivamente coinvolto.

4. Pianifica i post sulla base degli orari di punta

Gli insights della tua Pagina Facebook o del tuo Gruppo possono indicarti quali sono gli orari migliori per pubblicare i post, di modo che il tuo pubblico specifico possa vedere e interagire con i tuoi contenuti.

5. Mantieni distinti i contenuti della Pagina e del Gruppo

Probabilmente ci sarà una sovrapposizione tra i follower della tua pagina e i membri del tuo gruppo, quindi assicurati di offrire qualcosa di unico da una parte e dall’altra: non è consentito il cross-posting.

Potresti annunciare un nuovo prodotto con un video sulla tua Pagina e avviare lo stesso giorno una conversazione nel Gruppo sulle nuove funzionalità più attese. Dai alle persone qualcosa di diverso in ogni spazio, un motivo per seguire entrambi.

6. Incoraggia l’interazione, senza esagerare

Il Gruppo è davvero uno spazio in cui i fan possono connettersi e interagire. Se i membri sono naturalmente loquaci, lascia che siano loro a decidere dove portano le conversazioni. A livello ideale, dovresti intervenire solo quando necessario o far partire ogni tanto un dibattito interessante con una domanda a risposta aperta.

Pubblicare contenuti seguendo un calendario editoriale, incoraggiando i membri a conversare di argomenti che ti interessano, può essere un’idea.

7. Modifica l’elenco dei membri in base alle esigenze

Hai un piantagrane nel tuo gruppo? Se qualcuno infrange le tue regole, invia spam nelle discussioni o insulta altri membri, deve essere espulso.

Se hai creato un regolamento fin dall’inizio, avrai sicuramente un motivo valido per farlo.

8. Offri qualcosa di speciale

I contenuti esclusivi offrono ai membri un motivo per interagire e visitare il gruppo regolarmente. Potrebbe trattarsi di una sessione di Q&A o di un AMA (Ask Me Anything) o, nel rispetto delle norme anti-Covid, inviti a eventi offline o opportunità di networking.

9. Invita i membri da altre piattaforme

Se ci sono persone che ti seguono su altri canali come Instagram, Twitter, YouTube, TikTok, Pinterest, ecc. invitale a diventare membri del tuo gruppo condividendo il link diretto.

10. Non limitarti a impostarlo e dimenticarlo

Perché il tuo Gruppo possa prosperare, ha bisogno di attenzioni. È come una pianta che devi innaffiare regolarmente.

Ti consigliamo di controllarlo spesso per rispondere a domande, aggiungere membri, eliminare spam o moderare i contenuti segnalati. Questo ovviamente ti richiederà del tempo, ma non devi gestire il Gruppo per forza da solo. Assegna a un collega o superfan di fiducia un ruolo di amministratore o moderatore per alleggerirti il carico.

Qui trovi le risposte alle domande più comune sulla gestione dei Gruppi Facebook!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *